Dati inferiti

la nuova frontiera della privacy

dati inferiti

Il Consiglio d’Europa, nella Dichiarazione dello scorso 13 febbraio, ha affermato che proteggere i soli dati personali e la loro utilizzazione non basta più, ma occorre regolare l’uso dei “dati inferiti”.

Dati inferiti

I dati inferiti sono i dati tratti da altri dati che, se usati in ampia scala, possono influenzare non solo i comportamenti ma anche le conoscenze, le scelte, le opinioni e addirittura le emozioni dei cittadini.

I politici devono porre in essere regole vincolanti e giuridicamente efficaci, interpretando e applicando le norme di protezione dei dati, GDPR, con la flessibilità richiesta da una tecnologia sempre più articolata e intelligente.

On the manipulative capabilities of algorithmic process

Il Comitato ricorda che: il fondamento del Consiglio di Europa e la sua stessa ragione di esistere è quella di costruire società fondate sul rispetto e il riconoscimento dei valori della democrazia, dei diritti umani e dello Stato di diritto.

L’inarrestabile sviluppo dei servizi digitali negli ambiti più disparati, politica, comunicazione, consumi, tempo libero, commercio ed altro ancora, comporta una enorme e costante crescita del numero di dati creati dalle persone stesse. Dati che vengono messi in circolazione, trattati, conservati, utilizzati con sistemi di analisi sempre più veloci, e capaci di gestirne quantità sempre più elevate.

Rischi per i dati

Tutto questo, insieme all’uso del Machine learning e delle numerose forme di Intelligenza artificiale comporta rischi crescenti per le libertà e i diritti fondamentali delle persone.

Si tratta dei rischi legati essenzialmente a forme massive di profilazione dei comportamenti singoli e, soprattutto, collettivi.

Analisi comportamentali che consentono attività predittive relative ai comportamenti delle persone, alle loro preferenze, persino alle loro emozioni.

Il Comitato dichiara che tutto questo comporta rischi crescenti di manipolazione delle coscienze e di condizionamento delle persone, che richiedono un rafforzamento della tutela dei loro diritti.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *