UNI 1090

UNI 1090


Norma UNI EN 1090

UNI EN 1090


La Norma UNI EN 1090 si rivolge alle aziende che immettono sul mercato prodotti metallici strutturali.

Il campo di applicazione della UNI EN 1090-1 risulta quindi piuttosto vasto e comprende componenti in acciaio (UNI EN 1090-2) e in alluminio (UNI EN 1090-3) utilizzati in diversi tipi di opere: capannoni, intelaiature per edifici residenziali o uffici, ponti in acciaio e calcestruzzo, viadotti, tralicci, stadi, grandi spazi espositivi ecc.

Gli elementi possono essere utilizzati direttamente nelle opere o essere incorporati nelle stesse dopo essere stati assemblati. La norma si applica alle produzione in serie e non. Di conseguenza, per differenziare i requisiti tecnici a seconda della complessità dei componenti la norma introduce 4 classi di esecuzione, con requisiti tecnici via via più stringenti, dalla classe 1 per le opere cosiddette semplici, con rischi moderati legati a eventuali collassi o fallimenti fino alla classe 4, che si riferisce a strutture particolarmente complesse con importanti implicazioni riguardo la sicurezza.

Tale norma rappresenta una evoluzione del contesto normativo che, a partire dalla Direttiva Europea 89/106/CEE (Direttiva Prodotti da Costruzione-CPD), ha introdotto in tutta Europa l’obbligo di Marcatura CE per la produzione e commercializzazione di ogni materiale da costruzione ovvero di quei materiali destinati ad essere incorporati o installati in maniera definitiva nel “Costruito”.

Il 1° luglio 2013 è entrato in vigore Regolamento Prodotti da Costruzione (CPR 305/2011) che ha introdotto novità, chiarimenti, semplificazioni e obblighi per i vari operatori economici (fabbricanti, mandatari, distributori, importatori) che operano nel mercato dei Prodotti da Costruzione.

Il nostro metodo di intervento è strutturato attraverso lo svolgimento delle seguenti fasi:


1. Analisi dei prodotti realizzati

Tale fase prevede una analisi critica dei prodotti realizzati per valutarne la ricaduta nell’ambito dei componenti strutturali di acciaio ed alluminio previsti dalla UNI EN 1090-1 e conseguente necessità di valutazione di conformità per la marcatura CE.


2. Individuazione delle Classi di Esecuzione

Questa fase prevede la individuazione delle famiglie di prodotto e la definizione della Classe di Esecuzione di ciascun prodotto attraverso la valutazione preliminare di:

Classi di Conseguenza

Categoria di Prodotto

Categoria di Servizio


3. Analisi dei Requisiti

Per i prodotti individuati saranno analizzati i requisiti così come previsto dalla UNI EN 1090-1 e precisamente:

Tolleranze dimensionali e di forma

Saldabilità

Resistenza alla frattura

Caratteristiche strutturali

Reazione al fuoco

Sostanze pericolose

Resistenza all’urto

Durabilità


4. Valutazione della conformità del prodotto

Saranno valutate:

Prove Iniziali di Calcolo (ITC) per valutare la progettazione

Prove Iniziali di Tipo (ITT) per valutare la capacità produttiva


5. Controllo della Produzione in Fabbrica (FPC)

Saranno valutate:

Specifiche di acquisto

Controlli sul prodotto

Gestione delle attrezzature

Certificazione dei saldatori

Certificazione del processo di saldatura (WPS)

Qualifiche e competenze dell’esperto tecnico della saldatura

Controlli non distruttivi

Si provvederà, laddove necessario, alla stesura di procedure e/o istruzioni aziendali ad integrazione della documentazione esistente per le attività collegate al processo di marcatura CE dei prodotti fabbricati.

Per le attività collegate al processo di saldatura si farà riferimento alla norma della serie UNI EN ISO 3834 relativa alla classe di esecuzione individuata.


6. Addestramento

Saranno realizzati opportuni incontri con il personale delle singole funzioni coinvolte nel processo di marcatura CE, destinati a chiarire e formalizzare i ruoli, i compiti e le responsabilità di ciascuno per rispondere ai requisiti indicati dalla norma.

7. Assistenza alla certificazione

Una volta soddisfatti tutti i requisiti della norma occorrerà chiedere l’intervento di un Organismo Accreditato ed avviare tutta la pratica per l’ottenimento della certificazione.

La fase di assistenza al raggiungimento della certificazione prevederà:

Analisi delle specifiche esigenze della VS. Società e definizione dell’Organismo Accreditato cui fare riferimento

Definizione dei contatti con l’Organismo prescelto ed espletamento della fase istruttoria

Preparazione di tutta la documentazione necessaria all’avvio della procedura

Assistenza durante la stesura del contratto

Presenza attiva durante le visite di valutazione

Assistenza per la risoluzione di eventuali anomalie che dovessero essere rilevate dall’Organismo.


UNI EN 1090-2:2018

REQUISITI OBBLIGATORI PREVISTI DA INDUSTRIA 4.0 – REQUISITO 1
REQUISITI OBBLIGATORI PREVISTI DA INDUSTRIA 4.0 – REQUISITO 1 L’ Allegato A della Legge del 11 dicembre 2016 n. 232 individua tre tipologie di investimento in beni materiali 4.0 oggetto di agevolazione: Beni strumentali il cui funzionamento è controllato da sistemi computerizzati o gestito tramite opportuni sensori e azionamenti;Sistemi per l’assicurazione della qualità e sostenibilità;Dispositivi per l’interazione uomo …

REQUISITI OBBLIGATORI PREVISTI DA INDUSTRIA 4.0 – REQUISITO 1 Leggi altro »

L’Impresa bene comune: la politica del risultato condiviso
L’Impresa bene comune: la politica del risultato condiviso di Giancarlo De Crescenzo In un contesto nel quale è difficile trovare certezze, salvaguardare la fabbrica, la produzione e il lavoro diventa un’impresa difficile. La fabbrica altro non è se non le persone che ci lavorano e che tengono tutto insieme. Passata l’epoca in cui l’attenzione si …

L’Impresa bene comune: la politica del risultato condiviso Leggi altro »

UNI EN 378
UNI EN 378 Norma Tecnica UNI EN 378 “ Sistemi di refrigerazione e pompe di calore” è una famiglia di norme (composta da quattro parti) che si applica agli impianti di refrigerazione incluse le pompe di calore, agli impianti secondari di raffreddamento o riscaldamento e agli alloggiamenti di questo genere di impianti. Inoltre sono oggetto …

UNI EN 378 Leggi altro »

Dal Piano Nazionale Industria 4.0 del 2017 al Piano Nazionale Transizione 4.0 del 2021
Dal Piano Nazionale Industria 4.0 del 2017 al Piano Nazionale Transizione 4.0 del 2021 I principali paesi industrializzati, a partire dal 2016, si sono attivati a supporto dei settori industriali nazionali in modo da cogliere appieno l’opportunità del fenomeno rivoluzionario definito “Industria 4.0”. In particolare, l’Italia ha sviluppato un “Piano nazionale Industria 4.0 2017-2020”, introdotto …

Dal Piano Nazionale Industria 4.0 del 2017 al Piano Nazionale Transizione 4.0 del 2021 Leggi altro »