Direttiva Macchine 2006/42/CE


La Nuova Direttiva Macchine

La direttiva 2006/42/CE (nuova direttiva macchine), attuata per l’Italia mediante Decreto

Legislativo-27/01/2010-, sostituisce la vecchia direttiva 98/37/CE del parlamento europeo.

Tale direttiva, entrata in vigore in tutta Europa il 29/12/2009, è introdotta per facilitare e stimolare la libera circolazione dei prodotti rientranti nella direttiva stessa, e definisce i requisiti essenziali in materia di sicurezza e di salute pubblica. Tali requisiti devono essere garantiti dal costruttore/importatore delle macchine, in occasione della loro progettazione,

fabbricazione prima della loro immissione sul mercato interno europeo.

La direttiva individua come:

Macchine:

  1. L’insieme equipaggiato o destinato ad essere equipaggiato di un sistema di azionamento diverso dalla forza umana o animale diretta, composto di parti o di componenti, di cui almeno uno mobile, collegati tra loro solidamente per un'applicazione ben determinata;
  2. L’insieme di cui al p.to precedente, al quale mancano solamente elementi di collegamento al sito di impiego o di allacciamento alle fonti di energia e di movimento;
  3. L’insieme di cui ai 2 p.ti precedenti, pronto per essere installato e che può funzionare solo dopo essere stato montato su un mezzo di trasporto o installato in un edificio o in una costruzione;
  4. L’insiemi di macchine, di cui ai 3 p.ti precedenti, o di quasi-macchine, che per raggiungere uno stesso risultato sono disposti e comandati in modo da avere un funzionamento solidale;
  5. L’insieme di parti o di componenti, di cui almeno uno mobile, collegati tra loro solidalmente e destinati al sollevamento di pesi e la cui unica fonte di energia è la forza umana diretta.


Quasi-macchine: gli insiemi che costituiscono quasi una macchina, ma che, da soli, non sono in grado di garantire un'applicazione ben determinata – ad esempio un sistema di azionamento – unicamente destinati ad essere incorporati o assemblati ad altre macchine o ad altre quasi-macchine o apparecchi per costituire una macchina.


La nuova revisione della direttiva macchine si

applica ai seguenti prodotti:

  • Macchine;
  • Attrezzature intercambiabili;   
  • Componenti di sicurezza;
  • Accessori di sollevamento;
  • Catene, funi e cinghie progettate e costruite a fini di sollevamento come parte integrante di macchine per il sollevamento o di accessori di sollevamento;
  • Dispositivi amovibili di trasmissione meccanica;
  • Quasi-macchine.

 

Con l’espressione attrezzatura intercambiabile si intende un “dispositivo che, dopo la messa in servizio di una macchina o di un trattore, è assemblato alla macchina o al trattore dall’operatore stesso al fine di modificarne la funzione o apportare una nuova funzione, nella misura in cui tale attrezzatura non è un utensile”.


componenti di sicurezza sono appunto i componenti destinati ad espletare una funzione di sicurezza, immessi sul mercato separatamente, il cui guasto ovvero malfunzionamento, mette a repentaglio la sicurezza delle persone, ma che non sono indispensabili per lo scopo per cui è stata progettata la macchina o che per tale funzione possono essere sostituiti con altri componenti.


Gli accessori di sollevamento sono “componenti o attrezzature non collegate alle macchine per il sollevamento, che consentono la presa del carico, disposti tra la macchina e il carico oppure sul carico stesso, oppure destinati a divenire parte integrante del carico e ad essere immessi sul mercato separatamente; anche le imbracature e le loro componenti sono

considerate accessori di sollevamento”.


Con i termini catene, funi e cinghie si intendono “catene, funi e cinghie progettate e costruite a fini di sollevamento come parte integrante di macchine per il sollevamento o di accessori di sollevamento”.

dispositivi amovibili di trasmissione meccanica sono “componenti amovibili destinati alla trasmissione di potenza tra una macchina semovente o un trattore e una macchina azionata, mediante collegamento al primo supporto fisso di quest’ultima; tali dispositivi, ove immessi sul mercato muniti di ripari, sono considerati come un singolo prodotto.                                                                                                            Infine,

le quasi-macchine sono definite come “insiemi che costituiscono quasi una macchina, ma che, da soli, non sono in grado di garantire un’applicazione ben determinata; un sistema di azionamento è una quasi-macchina; le quasi-macchine sono unicamente destinate ad essere

incorporate o assemblate ad altre macchine o ad altre quasi-macchine o apparecchi per costituire una macchina.                                          

Sono invece esclusi dal campo di applicazione della Direttiva macchine (art. 1, c. 2, D.lgs. 17/2010):

a) i componenti di sicurezza, destinati a essere utilizzati come pezzi di ricambio in sostituzione di componenti identici e forniti dal fabbricante della macchina originaria;


b) le attrezzature specifiche per parchi giochi e/o di divertimento;

c) le macchine specificamente progettate o utilizzate per uso nucleare che, in caso di guasto, possono provocare una emissione di radioattività;

d) le armi, incluse le armi da fuoco;

e) i seguenti mezzi di trasporto:

  1. trattori agricoli e forestali per i rischi oggetto del decreto del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti in data 19 novembre 2004, pubblicato nel Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale 16 aprile 2005, n. 88, di recepimento della Dir. n. 2003/37/CE, ad esclusione
  2. delle macchine installate su tali veicoli;
  3. veicoli a motore e loro rimorchi oggetto della Legge 27 dicembre 1973, n. 942, e successive modificazioni, di recepimento della Dir. 70/156/CEE, ad esclusione delle macchine installate su tali veicoli;
  4. veicoli oggetto del Decreto del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti in data 31 gennaio 2003, pubblicato nel Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale 29 maggio 2003, n. 123, di recepimento della Dir. 2002/24/CE, ad esclusione delle macchine installate su tali veicoli;
  5. veicoli a motore esclusivamente da competizione;
  6. mezzi di trasporto per via aerea, per via navigabile o su rete ferroviaria, escluse le macchine installate su tali veicoli.

f)le navi marittime e le unità mobili off-shore, nonché le macchine installate a bordo di tali navi e/o unità;


g) le macchine appositamente progettate e costruite a fini militari o di mantenimento dell’ordine;


h) le macchine appositamente progettate e costruite a fini di ricerca per essere temporaneamente utilizzate nei laboratori;

i) gli ascensori utilizzati nei pozzi delle miniere;

l) le macchine adibite allo spostamento di artisti durante le rappresentazioni;

m) i prodotti elettrici ed elettronici che rientrano nelle categorie seguenti, oggetto della Dir. 2006/95/CE in materia di bassa tensione:

  1. elettrodomestici destinati a uso domestico;
  2. apparecchiature audio e video;
  3. apparecchiature nel settore delle tecnologie dell’informazione;
  4. macchine ordinarie da ufficio;
  5. apparecchiature di collegamento e di controllo a bassa tensione;
  6. motori elettrici;

n)le seguenti apparecchiature elettriche ad alta tensione:

  1. apparecchiature di collegamento e di comando;
  2. trasformatori.

Ogni macchina deve recare, in modo leggibile e indelebile, almeno le seguenti

indicazioni:


  • Nome del fabbricante e suo indirizzo
  • La marcatura CE
  • Designazione della serie o del tipo
  • Eventualmente, numero di serie
  • L’anno di costruzione


Prima di essere immessa sul mercato deve essere predisposta la seguente documentazione:


Il Fascicolo Tecnico della Costruzione (FTC) sia disponibile (Allegato VII). Tale fascicolo deve dimostrare che la macchina è conforme ai requisiti stabiliti dalla direttiva macchine. Esso deve riguardare la progettazione, la fabbricazione e il funzionamento della macchina nella misura necessaria ai fini della valutazione della conformità. Per le quasi-macchine si parla di Documentazione Tecnica Pertinente; le procedure di valutazione e di conformità siano applicate;


Per le macchine la dichiarazione CE di conformità, mentre per le quasi-macchine la dichiarazione d'incorporazione: l'atto con cui il fabbricante dichiara, sotto la propria personale responsabilità, che il prodotto è conforme ai requisiti essenziali di sicurezza. La dichiarazione d'incorporazione contiene obbligatoriamente il preciso elenco dei requisiti essenziali di sicurezza (RES) ottemperati. Entrambe le dichiarazioni contengono l'indicazione esplicita della persona autorizzata a costituire la Documentazione Tecnica Pertinente o il Fascicolo Tecnico della Costruzione;

Il manuale d'uso e manutenzione: è parte integrante della macchina. Esso è il mezzo tramite il quale il fabbricante ed il progettista si rivolgono all'utilizzatore per illustrargli il funzionamento della macchina e le caratteristiche di integrazione uomo-macchina; esso è presente o tradotto nella lingua (o lingue) ufficiali del paese di commercializzazione;


Il marchio CE apposto nelle immediate vicinanze del nome del fabbricante: la marcatura CE dichiara che il produttore-distributore si assume la responsabilità del prodotto, permettendone la libera circolazione in Europa e l'identificazione dei prodotti non conformi.




REQUISITI OBBLIGATORI PREVISTI DA INDUSTRIA 4.0 – REQUISITO 1
REQUISITI OBBLIGATORI PREVISTI DA INDUSTRIA 4.0 – REQUISITO 1 L’ Allegato A della Legge del 11 dicembre 2016 n. 232 individua tre tipologie di investimento in beni materiali 4.0 oggetto di agevolazione: Beni strumentali il cui funzionamento è controllato da sistemi computerizzati o gestito tramite opportuni sensori e azionamenti;Sistemi per l’assicurazione della qualità e sostenibilità;Dispositivi per l’interazione uomo …

REQUISITI OBBLIGATORI PREVISTI DA INDUSTRIA 4.0 – REQUISITO 1 Leggi altro »

L’Impresa bene comune: la politica del risultato condiviso
L’Impresa bene comune: la politica del risultato condiviso di Giancarlo De Crescenzo In un contesto nel quale è difficile trovare certezze, salvaguardare la fabbrica, la produzione e il lavoro diventa un’impresa difficile. La fabbrica altro non è se non le persone che ci lavorano e che tengono tutto insieme. Passata l’epoca in cui l’attenzione si …

L’Impresa bene comune: la politica del risultato condiviso Leggi altro »

UNI EN 378
UNI EN 378 Norma Tecnica UNI EN 378 “ Sistemi di refrigerazione e pompe di calore” è una famiglia di norme (composta da quattro parti) che si applica agli impianti di refrigerazione incluse le pompe di calore, agli impianti secondari di raffreddamento o riscaldamento e agli alloggiamenti di questo genere di impianti. Inoltre sono oggetto …

UNI EN 378 Leggi altro »

Dal Piano Nazionale Industria 4.0 del 2017 al Piano Nazionale Transizione 4.0 del 2021
Dal Piano Nazionale Industria 4.0 del 2017 al Piano Nazionale Transizione 4.0 del 2021 I principali paesi industrializzati, a partire dal 2016, si sono attivati a supporto dei settori industriali nazionali in modo da cogliere appieno l’opportunità del fenomeno rivoluzionario definito “Industria 4.0”. In particolare, l’Italia ha sviluppato un “Piano nazionale Industria 4.0 2017-2020”, introdotto …

Dal Piano Nazionale Industria 4.0 del 2017 al Piano Nazionale Transizione 4.0 del 2021 Leggi altro »

Le principali minacce informatiche 2021
L’ ENISA Threat Landscape (ETL) (Agenzia europea per la sicurezza delle reti e dell’informazione) ha pubblicato il rapporto annuale per la sicurezza informatica sullo stato del panorama delle minacce alla sicurezza informatica. Nell’ottobre 2021 l’ENISA ha pubblicato la nona edizione del rapporto che copre un periodo di rendicontazione che va da aprile 2020 fino a luglio …

Le principali minacce informatiche 2021 Leggi altro »

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *